La prima e l’ultima delle sorelle laiche, vanno in Paradiso insieme.

Balvina

Balvina Vasquez:
La Gioia di farsi dono

Il 20 giugno scorso Balvina è deceduta improvvisamente a 58 anni di età, dopo soli tre mesi di aggregazione all’Istituto:una vita che ha il profumo del Vangelo.

di Sr Luigina Pelizzoni

Chi era Balvina Vasquez di Lima?

Balvina Vasquez Garcia apparteneva, con suo marito, Emiliano Barrera, all’ultimo gruppo di fratelli e sorelle laiche che si è aggregato alla Famiglia Religiosa delle Piccole Figlie in Perù, a Lima, il 7 marzo del 2015, alla presenza della Superiora Generale Alfonsina Mazzi.

Madre di tre figlie (Carmen, Victoria e Balvina) era nata nel 1957 a Santiago del Chuco, distretto del Dipartimento di Libertà, sulla Costa del Nord del Perù.

Ancora: chi era Balvina Vasquez?

Una donna intelligente, generosa, creativa, ricca di fede perché il Signore era il centro della sua vita, totalmente disponibile per la comunitá cristiana. Con altre coppie di sposi ha dato origine alla comunitá di Sant’ Elena, ora parrocchia San Corrado (Lima) dove noi Piccole Figlie operiamo dal 1998.

E’ stata protagonista degli inizi, con quei primi laici che hanno costruito la chiesa con le loro mani e hanno dato vita alla comunità con la loro testimonianza di fede. Questa fede, che Balvina coltivava assieme a suo marito, non solo ha arricchito la comunità parrocchiale, ma la sua stessa famiglia, infatti tutta la famiglia di Balvina é tutt´ora impegnata nel servizio pastorale della comunitá.

La sua spiritualità era marcatamente eucaristica, ad imitazione di Madre Eugenia. Quando il lavoro glielo permetteva, partecipava alla Messa quotidiana. Non mancava mai, con tutta la famiglia, alla adorazione eucaristica del giovedì . Per la festa del Corpus Domini voleva una chiesa adornata con i fiori piú belli e lei metteva i soldi, in silenzio, come la spiritualità della Piccola Figlia richiede.

Da pochi mesi aveva fatto l’aggregazione alla nostra Congregazione, era molto contenta, raggiante, e ha avuto la gioia di rinnovare l’impegno nella festa del Cuore Immacolato. Si sentiva parte della famiglia; era attenta con una partecipazione attiva alle iniziative che le Piccole Figlie mettono in atto in Perú.

Quando si prendeva una responsabilitá, anche nel lavoro, lo faceva con serietà e competenza. Era dirigente di un’azienda e seguiva le attività anche di notte, se era necessario. Dove lei metteva mente e cuore tutto cresceva. Come mamma e sposa era eccezionale. Passava poco tempo in casa, ma a ciascuna delle sue figlie sapeva dare una educazione secondo il proprio carisma personale. Quando raccontava come faceva si rimaneva meravigliati per tanta saggezza.

Come per Gesú si possono dire molte altre cose di lei, che ha aiutato la comunità a crescere, che si sentiva figlia della Chiesa e che l’amava come la sua tenera madre.

Solo ringraziamo il Signore come comunità per avercela data come esempio da imitare.

Sr Luigina Pelizzoni


Rosa

In memoria della signora Rosa Bacuzzi

Ricordiamo la signora Rosa Gualtieri in Bacuzzi, sorella laica, deceduta il 21.6.2015 all’età di 105 anni.

Donna ricca di doni e di fede, mamma di sr Giuseppina, fu Presidente dell’Associazione Laicale quando “rinacque” dopo il Concilio Vaticano II dal 1973 al 1983, guida sapiente e autorevole, e poi Consigliera dal 1983 al 1986.

 

Parma, 23 giugno 2015

 

di sr Valeria Vaja

Carissima mamma Rosa,

domenica mattina, il Signore Gesù che ha sostato sempre vicino al “mare” della tua vita, ha reso, per te, VITA, il Vangelo del giorno e ha sussurrato al tuo cuore: “Vieni, passiamo all’altra sponda!”.

Con quest’ultima richiesta, preceduta da tantissime altre, ti ha accolta nella sua casa, nel posto che aveva pensato per te da tutta l’eternità!

Ti ha formata nel grembo ed ha accompagnato con tanta tenerezza ogni attimo della tua vita vissuta, spesa, donata per Lui e per tanti, molti dei quali hai già incontrato nel suo Paradiso.

C’era Lui ad accoglierti con la sua Mamma, di cui hai imitato giorno per giorno le virtù, la tua Luisita, Luca, Giusi e tanti altri che hanno condiviso il tuo cammino terreno intriso di amore grande e di dolore intenso.

Lui ti ha chiamato ad essere sposa e madre di sei figli, nonna di 10 nipoti e bisnonna di quasi 12 pronipoti, il cui schiudersi alla vita dell’ultimo, vedrai da lì.

Essere mamma e sposa esemplare non ti è bastato e allora hai allargato lo spazio della tua tenda stringendo a te, nell’offerta e nel dono, tanti fratelli e sorelle dell’Africa nera, che mettevi ogni giorno  dentro la tua  preghiera, sostenendo anche   la vita   dei   missionari   che li accompagnavano.

Consacrata per il il Battesimo, benedetta nel matrimonio, hai voluto seguire l’invito di Gesù ad essere “capostipite”, perdonami il termine, dell’Associazione Laicale, che Agostino Chieppi aveva voluto affiancasse le sue Piccole Figlie.

L’hai seguita, in questo quasi risorgere, sei stata Sorella maggiore, madre, dando il meglio di te; anche quando le tue forze fisiche non ti permettevano più di essere presente, hai dato il meglio di te impastato di preghiera e di sacrificio.

E la tua amata Associazione si è estesa anche oltre oceano e, con te, ha raggiunto il Regno dei Cieli Balvina, sorella del Perù, che ha all’attivo solo tre mesi nell’Associazione!

Siamo la tua famiglia! Dopo averci donato Sr. Giuseppina, hai donato te stessa. Ricordaci da lassù, perché le tue suore possano fare un gran bene SOLO PER LUI.

 

Sr. Valeria Vaja

Famiglia Rosa

Associazione Laicale Piccole Figlie